Stranieri Web

stemma

Le "Comunità"

Questa pagina vuole essere di supporto a tutti coloro che a vario titolo, con impegno e dedizione, si occupano del Migrante Irregolare che sbarca sulle coste italiane.

PREMESSA

In Italia, il sistema di accoglienza dei migranti è suddiviso tra strutture di prima e di seconda accoglienza. La struttura di prima accoglienza è gestita dalle Prefetture che rispondono direttamente al Ministero dell’Interno, di queste fanno parte gli hotspot e gli hub regionali (nati dalla conversione di altre strutture, che prima erano dedicate all’accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo, come i CARA e i CDA). La struttura di seconda accoglienza, è formata dagli SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati).

I migranti che arrivano in Italia sfruttando le sue coste, devono passare per un hotspot. All’interno, ogni persona viene sottoposta alle procedure di identificazione e fotosegnalamento. I migranti che vengono soccorsi in mare o che, comunque, giungono in Italia attraverso la frontiera marittima, che fanno richiesta di protezione internazionale all’interno dei predetti HOTSPOT, vengono ricollocati negli HUB regionali. I migranti che invece non intendono formalizzare richiesta di asilo vengono collocati nei CPR (Centri Permanenza per Rimpatri) e ricevere un decreto di respingimento.

In base a quanto stabilito dal Ministero, i richiedenti asilo rimangono negli HUB dai 7 e i 30 giorni, per poi essere inseriti negli SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), che sono invece strutture di seconda accoglienza.

La struttura di seconda accoglienza, è gestita da associazioni, che collaborando con i Comuni, presentano un progetto. All’interno della struttura che si è costituita, accedono solo i richiedenti protezione internazionale, in attesa che la Commissione Territoriale competente, valuti la loro domanda e decida se accettarla o meno. La predetta Commissione decide  entro 180 giorni dalla loro richiesta (di solito le associazioni si fanno carico dei ricorsi, in caso di diniego)

I  CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria), sono una specie di HUB, atti ad ospitare i richiedenti protezione internazionale che avrebbero diritto ad accedere al circuito degli SPRAR. I CAS, come gli SPRAR, sono gestiti da associazioni e cooperative. 

RIFUGIATI, MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO: CAPIAMO LE DIFFERENZE

Quando si parla di fenomeno migratorio, è bene fare riferimento al seguente elenco, al fine di evitare incomprensioni e fare confusione. 

  • Chi è il rifugiato: colui che scappa perché rischia la vita

Il diritto internazionale definisce il rifugiato come la persona che è scappata dal proprio paese per cercare protezione in un altro. Il motivo della fuga risiede nella guerra, nella persecuzione e nella violazione dei diritti umani su larga scala. La motivazione va ricercata nella sopravvivenza e nel rischio concreto di morte restando nel luogo d’origine. È la prima e più importante forma di protezione internazionale, e può essere riconosciuta a un richiedente asilo da uno stato membro della convenzione di Ginevra del 1951.

Il rifugiato è colui “che temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di tali avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra” [Articolo 1A della Convenzione di Ginevra del 1951 relativa allo status dei rifugiati].

  • Chi è il richiedente asilo: colui che sta aspettando il riconoscimento dello status di rifugiato

Si definisce così una persona che ha richiesto di essere riconosciuto come rifugiato (o altra forma di protezione) e che è in attesa del responso. I richiedenti asilo solitamente entrano nel territorio in modo irregolare, ma dal momento in cui presentano la richiesta sono regolarmente soggiornanti, e quindi non possono essere definiti clandestini. [Fonte: Openpolis]

  • Chi è il migrante: colui che si sposta altrove per lavoro, salute, famiglia

Il dizionario Treccani identifica il migrante come colui che si sposta verso nuove sedi. La motivazione di sopravvivenza non è prioritaria. Possono sussistere motivi professionali, sanitari, familiari o individuali. Esistono i migranti irregolari ovvero quelle persone che non detengono i documenti necessari per attestare la loro entrata nel territorio straniero secondo le regole vigenti. A differenza del turista, il migrante vuole stanziarsi in un dato luogo cercando migliori condizioni di vita o risoluzione a problematiche sanitarie, familiari etc.

GUIDA PRATICA PER RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN ITALIA

Scarica la guida pratica in italiano che si può racchiudere nei seguenti punti:

  1. Manifestazione della volontà di chiedere protezione internazionale – Consiste nel dichiarare il prima possibile, presso la Questura o la Polizia di Frontiera, l’intenzione di chiedere la protezione internazionale.
  2. Identificazione – È l’attività con cui la Polizia registra i tuoi dati (nome, cognome, luogo e data di nascita, nazionalità), ti scatta delle fotografie e prende le tue impronte digitali.
  3. Formalizzazione della domanda – Consiste nella compilazione del modulo specifico di registrazione per la domanda di protezione internazionale.
  4. Colloquio presso la Commissione Territoriale – È un colloquio sulle esperienze che hai vissuto e i timori che avresti in caso di rientro nel tuo Paese.
  5. Valutazione e Decisione – È la fase in cui la Commissione Territoriale valuta e decide in merito alla tua richiesta di protezione internazionale. 
  6. Ricorso – È la fase in cui hai la possibilità di presentare presso un giudice il ricorso contro la decisione della Commissione Territoriale.

guida pratica

Visita anche la sezione “Conversione Permesso di Soggiorno

Il gruppo Facebook nasce con lo scopo di fornire un supporto a tutti coloro che a vario titolo, trattano il tema dell'Immigrazione.

it_ITItaliano

contattaci

Se hai cercato nel sito una risposta alla tua domanda, senza successo, utilizza questo Form di Contatto